Il popolo della sinistra

“Il popolo disperso della sinistra italiana dovrebbe liberarsi della zavorra di un piccolo ceto politico ossessionato dalla sola sopravvivenza e gettarsi per l’alto mare dei temi universali, la fine del lavoro, il disarmo nucleare, la difesa dei beni comuni essenziali per la vita come l’acqua e la terra, i mutamenti climatici, la guerra alle disuguaglianze globali. Con proposte davvero rivoluzionarie, come proibire per legge la povertà, stabilire il divieto di brevettare organismi viventi, capovolgere le politiche fiscali in senso redistributivo, sancire il bando totale degli armamenti nucleari e tanto altro ancora. Insomma tornare all’Utopia. Riprendersi la voglia di sognare. La nostra storia sarebbe stata ben peggiore se nel buio delle galere fasciste un pugno di uomini non avesse osato immaginare un’Europa democratica, pacifica e solidale. Il manifesto di Ventotene, nel mezzo del conflitto mondiale, doveva apparire, ai più, un delirio di pazzi. Una sana folle utopia è oggi l’unica via d’uscita a sinistra.”
Curzio Maltese

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...